Carciofo

Capaccio-Paestum
Carciofo

In seguito alle prime grandi bonifiche ed alle riforme fondiarie, dagli anni venti del Secolo scorso fu introdotta nella Piana del Sele la coltivazione di un carciofo romanesco, chiamato Carciofo di Castellammare di Stabia, che ha trovato un habitat talmente idoneo da assumere, pian piano, delle particolari caratteristiche fino a meritare la denominazione di “Carciofo tondo di Paestum”. Ad un secolo dalla sua introduzione, questo delizioso ortaggio è diventato una vera icona del territorio e ha sposato un ampio ricettario tipico in cui è diventato elemento fondamentale.